La mia quarantena

Il mio rifugio

Il mio rifugio migliore sarà sempre un campo verde gremito di fiori ed essenze profumate, smaltato d’azzurro dentro un cielo che senza dire nulla, donerà la gioia perduta

Al terzo giorno della fase 2 mi rendo conto che potremmo anche superare guerre, epidemie, carestie, ma poi, difficilmente l’uomo cambia ed ogni volta sarà come chiudere la finestra di una stagione, una parentesi sul mondo, un puzzle di vita vissuta…ma si tornerà freneticamente a litigare, a discutere, a giudicare, perché fondamentalmente le persone si incattiviscono. Le mie orecchie sono già stanche e nonostante tutto mi manca quelle quiete e quel silenzio respirati per 2 mesi, quando mi bastava indossare un paio di cuffie per essere felice, con la musica a far compagnia. La mia filosofia è cambiata, perché dagli insegnamenti si impara… vorrò stare lontana e distante da cieli copiosi di nuvole che tuonano parole e temporali. Il mio rifugio migliore sarà sempre un campo verde gremito di fiori ed essenze profumate, smaltato d’azzurro dentro un cielo che senza dire nulla, donerà la gioia perduta

Follow me & share
Daniela Pacelli

Un viaggio nei sentimenti con Daniela Pacelli Chi mi vede mi definisce “Solare”, perché la foschia lieve della malinconia la vede solo chi si ferma un po’ a viverti. Mi chiamo Daniela Pacelli e vivo a Terni, nella bellissima Umbria dal cuore verde. La mia prima passione è stata la scrittura, con il tempo poi mi sono avvicinata sempre di più alla fotografia, imparando a comunicare attraverso un'immagine che potesse raccontare uno stato d'animo, comprendendo che il silenzio spesso vale più di mille parole. Adoro dedicare parte del mio tempo libero alla scoperta di scorci e panorami particolari da immortalare in una foto, per regalarmi e regalare emozioni. Farle arrivare non è sempre facile, ma quando avviene, è il complimento più bello che si possa ricevere. Ho iniziato a gestire la pagina ckickfor_terni a novembre 2019 con l'intento di fare conoscere il territorio ternano in tutti i suoi angoli, borghi, vedute, anche da prospettive non usuali, perché l'obiettivo di chi fotografa, credo sia anche quello di invogliare chi guarda, ad entrare nella scena, a voler essere in quel luogo in quell'istante, o in un futuro qualsiasi. Quindi... "Ovunque tu vada, vacci sempre con tutto il tuo cuore"

2 commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *